Ponte del 2 maggio a Torre Vado

Ponte del 2 maggio a Torre Vado, per assaporare in anticipo quello che sarà il piacevole intervallo delle prossime vacanze estive. Ammirare il mare pregustando le lunghe nuotate, i tuffi e le immersioni future. Se poi il tempo è particolarmente favorevole si potrà anche tentare anche qualche timido approccio in mare con brevi nuotate, tanto per pregustarsi il piacere del mare.

In città fervono in questa stagione i preparativi per la stagione balneare, molte strutture alberghiere aprono le porte ai primi ospiti e gli stabilimenti balneari rispolverano sedie sdraio ed ombrelloni che cominciano ad allinearsi lungo le spiagge.

Anche chi volesse trovare una sistemazione autonoma in case o appartamenti in affitto potrà già trovare interessanti offerte, oltretutto a prezzi decisamente abbordabili e vantaggiosi, visto che siamo ancora in bassa stagione.

Se è la prima volta che ci si reca in Salento le cose da vedere, i luoghi da visitare ed i piaceri da assaporare sono tantissimi, ed anche per chi è già esperto l’occasione di una vacanza durante il ponte del 2 maggio sarà l’occasione per riprendere il viaggio alla scoperta di una regione, il Salento che merita di essere conosciuta amata ed esplorata a fondo in tutti i suoi aspetti: cultura e tradizioni, arte ed artigianato, natura e storia.

Lecce

Lecce dista da Torre Vado circa 60 km e ben collegata con tutti i centri turistici del Salento.

Lecce
Lecce

Famosa in tutto il mondo per i suoi monumenti in stile barocco, Lecce rappresenta una meta obbligata per chi viene in Puglia nel Salento. Tra i monumenti che maggiormente stupiscono per la loro bellezza artistica, spiccano la CHIESA DI SANTA CROCE, il DUOMO e la sua splendida PIAZZA con il CAMPANILE, LA CHIESA DI SANT’IRENE, LA CHIESA DI SAN MATTEO, la CHIESA DI S. Niccolò e Cataldo (1180) i tantissimi palazzi baronali di cui è ricchissimo il centro storico.

Di epoca romana è possibile visitare l’ANFITEATRO ROMANO in Piazza Sant’Oronzo con l’omonima colonna.  Molto attiva dal punto di vista culturale, Lecce è sede di numerosi eventi e tantissime manifestazioni: tra le tante citiamo la NOTTE BIANCA di Lecce che solitamente si celebra ad aprile, la FESTA DI SANT’oronzo, il SANTO PATRONO DI Lecce al quale i leccesi dedicano tre giorni di fine agosto; CALICI DI STELLE, CANTINE APERTE, CORTILI APERTI, RASSEGNA D’ARTE FLOREALE FIORDIBAROCCO, tantissime le Rassegne teatrali e le mostre d’arte, ITINERARIO ROSA .

Salento

Da Torre Vado, una volta arrivati in Salento, ci si può spostare alla scoperta dei centri più vicini. Quando si arriva in un posto, è naturale voler conoscere e vedere tutto quello che un territorio può offrire: arte, cultura, bellezze naturali, musei, palazzi e ricchezze archeologiche.

Arrivati nel Salento, bisogna avere la consapevolezza che si tratta di una terra ricchissima di testimonianze artistiche, archeologiche e naturalistiche veramente uniche che sarebbe impossibile pensare di poterle vedere in pochissimo tempo.

Lido Torre Vado
Lido Torre Vado

Se pensate che un viaggio, possa diventare anche un’occasione di crescita e maturazione, il SALENTO è il Vostro posto ideale, dove costruirvi la vostra vacanza in modo creativo prediligendo gli aspetti che più si avvicinano al Vs. carattere.

Gli amanti della natura cercheranno gli itinerari naturalistici attraverso diversi percorsi in trekking o semplici passeggiate. Sono diversi i parchi e le riserve naturali nel Salento: il Parco dell’Isola di Sant’Andrea e Litorale di Punta Pizzo a Gallipoli, il parco della Palude e bosco di Rauccio e Sorgenti Idume, il Parco di Porto Selvaggio e Torre Uluzzo, Il Parco Costa Otranto – Santa Maria di Leuca e Bosco di Tricase, l’Oasi WWF come quella della Cesine o le bellezze di una natura mozzafiato come le VORE DI BARBARANO DEL CAPO.

Gli amanti dell’archeologia potranno visitare le zone archeologiche di Lecce, di Alezio, di Vaste, di Ugento, dell’antica città di VERETUM nel Capo di Leuca, i frantoi ipogei di Presicce, gli antichi granai messapici quasi integri di Morciano di Leuca.

Gli amanti delle tradizioni popolari potranno inebriarsi di pizzica pizzica, l’antico ballo rituale salentino che affonda le sue radici in epoche antichissime.  La tarantola pizzica una volta e lascia dentro un’inquietudine che si può superare solo attraverso il ballo e rispondendo con il corpo al ritmo incessante del tamburello.

Questa era ieri la pizzica, oggi questa danza, rivalutata e rivissuta in diverse forme, costituisce un’attrattiva importante per il turismo del Salento: LA NOTTE DELLA TARANTA, l’evento internazionale che si svolge da oltre dieci anni nell’entroterra salentino, ha portato il ballo e la cultura della pizzica pizzica oltre i confini dell’Italia aprendo le porte a mercati internazionali. Per chi vuole vivere in modo più autentico l’aspetto più vero di questa cultura popolare salentina, allora la NOTTE DI SAN ROCCO a Torre PADULI (il 16 agosto di ogni anno) è il posto giusto.

Santa Maria di leuca
Santa Maria di leuca

Per coloro che di una vacanza prediligono anche l’aspetto culinario, la cucina salentina è il risultato combinato degli usi e costumi importati dalle diverse dominazioni che si sono susseguite nel corso dei secoli.

Una cucina semplice e genuina quella salentina, che predilige l’olio di oliva, la pasta fatta in casa, i legumi secchi, le verdure, i peperoni, il pesce fresco, i frutti di mare.

Moltissime le ricette locali che ogni paese del Salento ha perfezionato secondo i propri gusti e le proprie usanze. Grande varietà di formaggi e latticini, grandissima la scelta di marmellate e dolci tradizionali che ormai si possono trovare in tutti i periodi dell’anno.

Poi ci sono le città d’arte come Lecce, la Firenze del Sud con i suoi gioielli del Barocco; Otranto la porta per l’Oriente; Galatina e le sue Chiese.  Infine, essendo circondato dal mare, il Salento offre una varietà di costa e di fondale marino da accontentare proprio tutti. Il capo di Santa Maria di Leuca è caratterizzato da una costa altissima con scenari mozzafiato che lasciano spazio a formazioni carsiche veramente belle: le Grotte di Leuca ne sono la testimonianza più efficace (la Grotta delle Tre Porte, Del Diavolo ecc).  Da qui, risalendo verso il Mare Adriatico si trova località CIOLO (nelle giornate particolarmente limpide si possono vedere chiaramente i monti dell’Albania e l’Isola di Corfù in Grecia), NOVAGLIE, MARINA DI TRICASE, CASTRO, SANTA CESAREA TERME, OTRANTO. Dal capo di Santa Maria di Leuca in direzione Torre Vado e Gallipoli, si trovano le spiagge più belle della Puglia: Pescoluse, le maldive del Salento, Torre Pali, Torre Mozza, Lido Marini, Punta Pizzo a Gallipoli.

Olio di oliva in Puglia a Torre Vado

Secondo una leggenda del posto, che narra di un antico frantoio ipogeo all’interno di una grotta (LA GROTTA DELLE FATE sulla collina dei FANI), la ricchezza delle terre del Capo di Leuca era costituita semplicemente dalla pianta dell’ulivo.

Al contadino che era convinto di aver visto antiche macine in pietra schiacciare pepite d’oro, la fata rispose: PPOPPITI CA NO’ SITI, TANITI L’ORO E NO’ LU CANUSCITI” (siete solo degli ingenui, tenete l’oro e non sapete riconoscerlo).

Ulivo Secolare
Ulivo Secolare

Le pepite di oro erano le olive e, dalle macine in pietra, usciva zampillante, l’olio color oro: era ed è questa una delle migliori ricchezze di Torre Vado e delle sue campagne intorno, olio di Puglia. Un tempo, il potenziale di ricchezza delle famiglie si misurava in alberi d’ulivo e la leggenda, testimonianza di antica saggezza, spiega perché qui nel Salento a Torre Vado, ogni albero d’ulivo è sacro e custodito come un bene prezioso. I nostri nonni piantarono gli ulivi consapevoli di non essere loro stessi a raccoglierne i frutti, ma le future generazioni: gli ulivi secolari, belli e maestosi come monumenti, sono la loro eredità.

Negli ultimi anni con la riscoperta della dieta mediterranea, finalmente è stata riconosciuta l’importanza dell’olio d’oliva che unito a pasta, pomodori, legumi secchi e verdure costituisce la base per una nutrizione sana e genuina. Come un tempo, ancora oggi nonostante il progresso e la tecnologia, molti frantoi estraggono l’olio con l’antica tecnica di molitura attraverso il torchio e le macine allo scopo di mantenere inalterate le caratteristiche del buon olio di oliva. Per gli appassionati o semplici curiosi di regalarsi nuove conoscenze, molte strutture ricettive di TORRE VADO, propongono pacchetti vacanza con partecipazione all’intero processo di lavorazione delle olive: è il turismo rurale che, come per il resto dell’Italia, si sta incrementando notevolmente.

Gli oli di oliva ricavati sono classificati in tre categorie: olio extravergine di oliva con acidità massima di 0,8 g per 100 g; olio vergine di oliva con acidità massima di 2 g per 100 g; olio di oliva lampante con acidità massima superiore a 2 g per 100g. Sono tantissimi i privati e le piccole e grandi aziende agricole che a Torre Vado, Morciano di Leuca e Barbarano del Capo, producono e vendono direttamente dell’ottimo olio di oliva.

I contadini ancora oggi lavorano le olive raccolte direttamente dall’albero e lo fanno assaggiare spalmato sul pane in modo da esaltarne il profumo. Nel Salento l’olio di oliva DOP, DENOMINAZIONE D’ORIGINE PROTETTA, è riconosciuto all’olio prodotto in Terra d’Otranto, il basso Salento: le piante d’ulivo prevalenti in queste produzioni sono la CELLINA DI NARDO’ e l’OGLIAROLA leccese o Salentina. Queste le caratteristiche di quest’ultimo olio tratte dal sito web oliodopterradotranto. Colore : verde o giallo con leggeri riflessi verdi; Odore : di fruttato medio con leggera sensazione di foglia; Sapore : fruttato con leggera sensazione di piccante e di amaro; Acidità massima totale espressa in acido oleico, in peso, non superiore a grammi 0,8 per 100 grammi d’olio; Punteggio al Panel Test : >= 6,5; Numero di perossidi : <= 14 MeqO 2 /Kg; K232 : <= 2,10; K270 : <= 0,170; Acido linoleico : <= 13%; Acido linolenico : <= 0,70; Acido oleico : >= 70%; Valore camperosterolo : <= 3,5; Trilinoleina : <= 0,30.

Il Salento che accoglie è a Torre Vado

Perché scegliere di trascorrere le vacanze in Puglia, nel Salento a Torre Vado? Perché questa terra baciata dal sole e dal mare, è una meraviglia di scoperte che stupiscono per la loro bellezza, unicità e autenticità.

torre vado la torre
torre vado la torre

In questo estremo lembo della Puglia, nel basso Salento ad alcuni minuti da Santa Maria di Leuca, Torre Vado offre possibilità di soggiorno, servizi, professionalità, ma soprattutto natura e mare incontaminati.

Una volta arrivati si è ricompensati dalla lunga distanza che ci separa dai grandi centri del sud dell’Italia.  Un viaggio abbastanza lungo, reso meno faticoso dalla presenza di strade statali abbastanza scorrevoli e comode; per chi decide di venire nel Capo di Leuca consigliamo sempre la Statale Lecce Gallipoli-Santa Maria di Leuca uscita per Morciano Torre Vado.

Per chi decide di venire in Treno, i treni locali delle FERROVIE SUD EST sono un poco lenti, ma ne vale la pena poiché attraversano il paesaggio salentino offrendo scenari particolarmente interessanti. Poi ci sono le agenzie di noleggio taxi, auto, furgoni, scooter.   Grandi distanze dunque ma grandi soddisfazioni. Una volta arrivati a Torre Vado, a colpire in genere è la disponibilità e la cordialità della gente: un senso dell’ospitalità che generalmente i Salentini si porta nel loro modo di essere.

Sarà per la storia della nostra terra e per predisposizione di carattere, ma la nostra si può definire una terra di accoglienza. Il Salento che accoglie è a Torre Vado, con la sua gente solare come tutte le persone dal Sud del Mondo; un modo di guardare alla vita sempre positivo e aperto agli altri e soprattutto a chi ci viene a trovare.

I nostri visitatori sono nostri ospiti, nella nostra terra come nella nostra casa; per noi è naturale fermarsi a parlare di fronte al carrello della spesa o anticipare gli sguardi smarriti di qualche turista con un “ cosa state cercando ?”; ci riempie di orgoglio il semplice conversare e, anche se si tratta di uno straniero, siamo capaci di farci capire comunque.   Chi viene nel Salento a Torre Vado per la prima volta, ci ritorna sempre; per questo motivo il settore turistico nel Salento nel Capo di Leuca, soprattutto a Torre Vado, Pescoluse e Torre Pali, è in costante aumento.

Molto spesso nei commenti dei visitatori nuovi e vecchi risaltano i paragoni con le terre della Grecia e della Croazia, alle quali il nostro mare e la nostra natura incontaminata non hanno nulla da invidiare: un’antica epigrafe scolpita su un monumento di Torre Vado (a Morciano di leuca) cita testualmente “nec te quesiveris extra “ non cercare altrove … il tuo paradiso è in ITALIA  noi aggiungiamo, nel Salento a Torre Vado.